Profilo professionale del fisioterapista: vediamolo insieme

Andiamo a vedere insieme com'è definito il profilo professionale del fisioterapista.

profilo professionale fisioterapista
5/5 - (4 votes)

Il profilo professionale del Fisioterapista in Italia è definito dal Decreto Ministeriale del 14 settembre 1994 n.741 (DM 741/1994) e successive integrazioni.

È individuata la figura  del  fisioterapista  con  il  seguente profilo:  il fisioterapista è l’operatore sanitario, in possesso del diploma universitario abilitante, che svolge in via  autonoma,  o  in collaborazione   con   altre  figure  sanitarie,  gli  interventi  di prevenzione, cura e riabilitazione nelle aree della motricità delle funzioni corticali superiori, e di  quelle  viscerali  conseguenti  a eventi patologici, a varia eziologia, congenita od acquisita.

Sempre secondo il Decreto Ministeriale, il fisioterapista:

  • elabora, anche in equipe multidisciplinare, la definizione del programma  di   riabilitazione   volto   all’individuazione   ed   al superamento del bisogno di salute del disabile;
  • pratica   autonomamente   attività  terapeutica   per   la rieducazione funzionale delle  disabilita’  motorie,  psicomotorie  e cognitive  utilizzando  terapie  fisiche,  manuali,  massoterapiche e occupazionali;
  • propone l’adozione di protesi ed ausili, ne addestra all’uso e ne verifica l’efficacia;
  • verifica  le  rispondenze  della  metodologia   riabilitativa attuata agli obiettivi di recupero funzionale.
  •  svolge   attività   di   studio,   didattica   e   consulenza professionale, nei servizi sanitari ed in quelli dove  si  richiedono le sue competenze professionali;

Ai sensi della legge 10 agosto 2000 n.251, il fisioterapista è inserito nella classe delle professioni sanitarie della riabilitazione, le quali:

svolgono con titolarità e autonomia professionale, nei confronti dei singoli individui e della collettività, attività dirette alla prevenzione, alla cura, alla riabilitazione e a procedure di valutazione funzionale, al fine di espletare le competenze proprie previste dai relativi profili professionali

Ad oggi, l’unico titolo abilitante per l’esercizio della professione di fisioterapista è la laurea di primo livello in Fisioterapia. Alcuni titoli conseguiti prima dell’istituzione del corso di laurea sono stati dichiarati equipollenti o equivalenti.

La legge 1 febbraio 2006 n.43, menziona la possibilità per i professionisti sanitari in possesso di apposita formazione post-laurea di poter essere riconosciuti come specialisti nella loro area di competenza, incluse le funzioni di coordinamento e dirigenziali.

Dall’entrata in vigore della legge 11 gennaio 2018 n.3, i fisioterapisti sono confluiti nell’Ordine dei tecnici sanitari di radiologia medica, delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione, fino all’istituzione dell’ordine dei fisioterapisti. L’iscrizione all’ordine è un ulteriore requisito indispensabile per poter esercitare la professione di fisioterapista.