Segno di Trendelenburg

Vediamo insieme cos'è il Segno di Trendelemburg.

segno di trendelemburg
4.8/5 - (6 votes)

Il segno di Trendelenburg è un reperto clinico che può essere osservato durante la valutazione dell’anca.

Descritto per la prima volta nel 1897, prende il nome dal chirurgo tedesco Friedrich Trendelenburg (1) ed indica una debolezza dei muscoli abduttori d’anca, in particolare di piccolo e medio gluteo.


Segno di Trendelenburg: caratteristiche e valutazione

La positività del segno di Trendelenburg è definita da una caduta della pelvi dal lato controlaterale a quello osservato in caso di sospetta debolezza dei muscoli stabilizzatori d’anca, durante la fase di appoggio monopodalico.

Possiamo facilmente apprezzarlo durante il cammino (gait test), poiché gli abduttori del lato interessato non saranno in grado di sostenere il peso del corpo: osserveremo dunque la caduta del bacino controlateralmente e la sua conseguente risalita dal lato leso. Questo tipo di andatura è definita, appunto, andatura di Trendelenburg.

Il segno di Trendelenburg può essere osservato anche durante un test statico (standing test o test di Trendelenburg), durante il quale viene chiesto al paziente di rimanere su una gamba sola per 30 secondi, mentre l’esaminatore posiziona le mani sulle creste iliache della persona: il test viene considerato positivo se il paziente non è in grado di mantenere il bacino orizzontale rispetto al piano d’appoggio, senza inclinare il tronco (3). Si tratta comunque di un test i cui criteri di positività e la cui validità per individuare una debolezza degli abduttori d’anca sono stati mesi in discussione da alcuni autori (4,5).


Segno di Trendelenburg: cause

 Possiamo osservare il segno di Trendelenburg in diverse condizioni, quali (2):

1) Qualsiasi condizione che avvicini l’origine e l’inserzione del medio gluteo:

  • Poliomielite
  • Radicolopatia
  • Lesione dei nervi periferici in seguito a chirurgia
  • Emiplegia, ad esempio come conseguenza di un ictus
  • Distrofia muscolare

2) Paralisi o debolezza degli abduttori in seguito ad una malattia o ad un problema che coinvolga il sistema nervoso:

  • Mal di schiena lombare
  • Artrosi dell’anca
  • Fratture del grande trocantere
  • Fratture del collo del femore
  • Fase iniziale dopo protesi totale d’anca
  • Displasia cleidocranica

3) Qualsiasi disturbo doloroso dell’anca che si traduca in inibizione glutea:

  • Mal di schiena lombare
  • Artrosi dell’anca
  • Fratture del grande trocantere
  • Fratture del collo del femore
  • Fase iniziale dopo protesi totale d’anca
  • Displasia cleidocranica

Potremmo inoltre imbatterci in falsi positivi, ad esempio in caso di non comprensione del test da parte del paziente, obesità, problematiche legate all’equilibrio, scoliosi, non integrità del quadrato dei lombi; falsi negativi si potrebbero trovare in presenza di artrosi oppure osteonecrosi in stadio precoce, oppure se il paziente utilizzasse compensi tramite i muscoli sovra-pelvici, psoas o retto del femore.


Segno di Trendenburg: trattamento

Sarà innanzitutto nostro compito individuare, durante l’anamnesi e l’esame fisico, la presenza di eventuali red flags: ad esempio la positività all’esame neurologico della debolezza dei muscoli abduttori potrebbe richiedere un referral medico, così come il sospetto di una lussazione o di una frattura d’anca, se il paziente ci riportasse la storia di un trauma.

Qualora il segno di Trendelenburg sia causato da un problema di pertinenza fisioterapica, quindi da una debolezza dei muscoli abduttori non deputata ad una patologia grave, il trattamento sarà costituito da un programma di esercizi di rinforzo degli stessi, con esercizio come nel video sottostante.


Conclusioni

Il segno di Trendelenburg può indicare una debolezza dei muscoli abduttori d’anca e può essere individuato mediante l’omonimo test o durante l’osservazione del cammino del paziente.

Le cause possono essere molteplici, dunque, durante l’anamnesi e la valutazione funzionale, sarà nostro compito comprendere se la sua presenza sia dovuta effettivamente ad un deficit muscolare oppure a d altri elementi che portino alla comparsa di falsi positivi o negativi, ma soprattutto sarà fondamentale individuare la presenza di red flags che necessitino un referral medico.

Qualora valutassimo che il segno di Trendelenburg sia presente a causa della perdita di forza degli abduttori, il nostro trattamento consisterà nella prescrizione di esercizio che miri all’incremento della stessa.