Oswestry Disability Index (ODI)

Indice dell’articolo: Descrizione della scalaValori psicometriciInterpretazione dei risultatiBibliografia L’Oswestry Disability Index (ODI) è un questionario autosomministrato e validato in lingua…

L’Oswestry Disability Index (ODI) è un questionario autosomministrato e validato in lingua italiana che ha lo scopo di valutare le disabilità in soggetti affetti da lombalgia sia in fase acuta che cronica. [1]

Sviluppato inizialmente da John O’Brien nel 1976 l’ODI 1.0 conosciuto anche come Oswestry Low Back Pain Disability Questionairre fu pubblicato per la prima volta nel 1980 [2] e successivamente adattato dall’American Academy of Orthopaedic Surgeons, omettendo alcune sezioni e modificando il punteggio degli item. La versione 2.0 fu sviluppata e realizzata nel 1989 dal Medical Research Council Group nel Regno Unito [3]. Infine la versione attuale 2.1 deriva da due ulteriori revisioni minori effettuate nel 2000 e nel 2006. [1]

L’Oswestry Disability Index attualmente rappresenta il gold standard per la valutazione della disabilità nelle lombalgie croniche ed è ampiamente utilizzato negli studi clinici di ricerca sia per le ottime caratteristiche psicometriche che per la facilità di somministrazione in quanto necessita di circa 5 minuti. [1]

Descrizione della scala

L’Oswestry Disability Index è costituito da 10 sezioni, ognuna delle quali indaga come la lombalgia influisce su diversi aspetti della vita quotidiana:

  1. Intensità del dolore;
  2. Igiene personale;
  3. Alzare pesi;
  4. Camminare;
  5. Stare seduti;
  6. Stare in piedi;
  7. Dormire;
  8. Vita sessuale;
  9. Vita sociale;
  10. Viaggiare.

Ogni sezione contiene al suo interno 6 possibili risposte con punteggio variabile da 0 a 5 dove 0 corrisponde a nessuna difficoltà o dolore mentre 5 impossibilità a svolgere l’attività o dolore invalidante.

Valori psicometrici

Il questionario ha mostrato un’elevata coerenza interna (alfa = 0,855) e una buona affidabilità test-retest (ICC = 0,961). La validità simultanea è stata confermata da un’elevata correlazione con la scala VAS (r = 0,73, P <0,001), la validità del costrutto ha rivelato correlazioni elevate con la Roland Morris Disability Questionairre (r = 0,819, P <0,001) e con i domini Short Form Health Survey-36, altamente significativo ad eccezione della Salute Mentale (r = -0,139, P = 0,126). [1]

Interpretazione dei risultati

Il calcolo del punteggio del questionario viene eseguito secondo la seguente formula matematica:

Se tutte le sezioni sono state completate, il punteggio totale possibile è di 50 punti. In caso una sezione non fosse stata completata il punteggio totale si riduce a 45 punti. Per effettuare il calcolo della scala può essere lasciato vuoto un solo item.

Per la valutazione del punteggio in percentuale può essere utilizzata la seguente tabella:

Vautazione della disabilità  Punteggio Oswestry
Minima disabilità0 – 20%
Moderata disabilità21 – 40%
Severa disabilità41 – 60%
Grave disabilità61 – 80%
Completa disabilità81 – 100%
0/20%Il paziente riesce a far fronte alla maggior parte delle attività della vita quotidiana. Nessun trattamento è indicato. Viene raccomandata la pratica dell’esercizio fisico e vengono impartiti consigli sulla corretta gestione della colonna.  
21/40%Il paziente avverte dolore e difficoltà nel sedersi, nel sollevarsi e nella posizione eretta. Viaggiare e la vita sociale sono più difficoltosi e questo può influenzare anche la vita lavorativa. La cura della persona, l’attività sessuale e il dormire non sono interessati dal dolore. Il paziente può essere gestito con un trattamento conservativo.  
41/60%Il dolore rimane il problema principale e molti aspetti della vita quotidiana ne sono influenzati. Questi pazienti richiedono un indagine dettagliata.  
61/80%Il mal di schiena incide su tutti gli aspetti della vita del paziente.  
81/100%Questi pazienti sono vincolati a letto e i loro sintomi sono evidenti.  

MCID: la differenza minima clinicamente importante (MCID) risulta di 9,5 punti.[4]

MDC: la differenza minima clinicamente importante (MDC) risulta di 15,35 in soggetti con lombalgia subacuta e di 12,72 in soggetti con lombalgia cronica. [4]

Scarica la Oswestry Disability Index

Scarica la Oswestry Disability Index in italiano. Potrai accedere alla versione in PDF.

Bibliografia

  1. Monticone M, Baiardi P, Ferrari S, Foti C, Mugnai R, Pillastrini P, Vanti C, Zanoli G. Development of the Italian version of the Oswestry Disability Index (ODI-I): A cross-cultural adaptation, reliability, and validity study. Spine (Phila Pa 1976). 2009 Sep 1;34(19):2090-5. 
  2. Fairbank JC, Couper J, Davies JB, O’Brien JP. The Oswestry low back pain disability questionnaire. Physiotherapy. 1980 Aug;66(8):271-3.
  3. Fairbank JC, Pynsent PB. The Oswestry Disability Index. Spine (Phila Pa 1976). 2000 Nov 15;25(22):2940-52; discussion 2952.
  4. Monticone M, Baiardi P, Vanti C, Ferrari S, Pillastrini P, Mugnai R, Foti C. Responsiveness of the Oswestry Disability Index and the Roland Morris Disability Questionnaire in Italian subjects with sub-acute and chronic low back pain. Eur Spine J. 2012 Jan;21(1):122-9.